Secondo alcune indagini ISTAT, nel 2016 in Italia sono stati registrati 16.123.000 acquirenti online, con un incremento pari al 9,1% rispetto all’anno precedente. I trend del fenomeno e-commerce sono positivi ed i margini di crescita e di espansione sono molto importanti, considerando anche quanto ci sia ancora da fare per raggiungere gli standard europei.
Nell’articolo di oggi riportiamo, sulla base di una ricerca condotta da “Packlink” (sito web per la comparazione e l’acquisto online di servizi di spedizione), i 5 principali trend che caratterizzeranno l’e-commerce nel corso del 2017.

1) Chatbot
Le chatbot (bot è l’abbreviazione di robot) pare sia la prossima grande rivoluzione che sfrutterà il meccanismo della chat. Si tratta di un’assistente virtuale che svolgerà commissioni per conto dell’utente, come fosse un’assistente personale in carne ed ossa. Nel caso dell’e-commerce potrà monitorare i prodotti, tenere traccia delle variazioni di prezzo, incrementare l’efficienza del processo di vendita online ed Ecommerceassistere il cliente che naviga sul sito web.

 2) Mobile first
La mobilità sarà la parola d’ordine del 2017. Secondo i dati emersi dal report condotto dall’Osservatorio Mobile B2C Strategy del Politecnico di Milano, più di 3 utenti su 4 utilizzano il mobile per le loro decisioni d’acquisto, con ricadute assai positive per il Mobile Advertising che registra un trend in aumento del 53%. Tutto si svolgerà tramite un dispositivo connesso, che sia uno smartphone, un tablet, uno smartwatch o un PC portatile.

3) Velocità delle consegne
Tempi troppo lunghi per la consegna delle merci provenienti dall’estero e ritardi nello sdoganamento. Sono queste le principali ragioni che scoraggiano i consumatori dal comprare un prodotto sui siti internet. La velocità delle consegne è un fattore decisivo per il commercio elettronico ed è questo uno dei principali campi in cui si disputerà la partita per il 2017.

4) Metodi di Pagamento
La domanda più annosa che i piccoli e i grandi venditori si pongono riguarda: le modalità con cui possono riscuotere il denaro dall’acquirente, la sicurezza delle transazioni e, soprattutto, l’affidabilità che riescono a mostrare al potenziale cliente nei servizi finanziari offerti. È importante per sostenere la crescita del fenomeno ecommerce che gli esercenti si avvalgano di una piattaforma di pagamento per acquisti online che sia sicura per le transazioni, compatibile con qualsiasi tipo di sistema e plug-in (woocommerce, virtuemart, zencart, magento ect..) e tecnologicamente avanzata.

5) Big Data
Più che Big Data parliamo di rivoluzione Big Data, ovvero tutte le opportunità disponibili di avere tante informazioni al servizio business. In questo modo tutti i dati provenienti dalla navigazione di un utente, dai suoi precedenti acquisti, dai prodotti valutati o ricercati permettono alle attività di commercio online di suggerire i prodotti più adatti agli scopi del cliente, quelli che solleticano la sua curiosità e lo spingono a comprare. Si prevede che a partire da quest’anno le operations saranno più che mai basate su analisi e statistiche e sulla profilazione dei consumatori e delle loro abitudini di consumo.

Fonte: https://becommerce.packlink.it/

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone